random_image2.jpg

L’America’s Response Monument è una statua di bronzo situata nel Liberty Park, poco a sud rispetto al National September 11 Memorial & Museum.
Realizzata dallo scultore Douwe Blumberg è stata

The Sphere (La Sfera) è una scultura in bronzo sita a New York, alta 7,6 metri e pesante 25 tonnellate si trova oggi a Liberty Park; è tristemente una delle  più conosciute  in quanto sopravvissuta all’attentato terroristico al World Trade Center dell’ 11 settembre 2001.

L’albero di Natale del Rockefeller Center è probabilmente il più famoso al mondo e secondo una stima viene visitato da oltre 500mila persone ogni giorno. Per ammirarlo bisogna raggiungere la Rockefeller Plaza, tra la pista di pattinaggio su ghiaccio e il grattacielo che ospita il Top Of The Rock, incluso tra la 5th Av e la 6th Av e tra la 49th St. la 50th St.

I Playground newyorkesi sono paragonabili ai nostriparchi giocodi quartiere, ma sono anni luce più evoluti e curati in allestimenti e dettagli.

Che siate degli inguaribili romantici, degli appassionati di fotografia o dei “turisti per caso” non potete privarvi di uno dei tramonti che New York è in grado di regalarvi.
Qui di seguito vi segnalo i cinque che preferisco:

Milton Glaser era un vecchio acciaccato nato il 26 giugno 1929, uno di quelli che si poteva incontrare quotidianamente nei larghi marciapiedi di

FAO Schwarz è un negozio di giocattoli storico a New York, la sua attuale location è nella famosa Rockefeller Plaza ad angolo con la 49th Street.

Per quasi trent'anni, dal 1986, il sogno di tutti i bambini

Il Please Don’t Tell è un locale dell’epoca del proibizionismo, uno dei cosiddetti Speakeasy Bar, anche se ormai

Parliamo di cibo! Nello specifico di gamberetti...
Solitamente evito di mangiare nelle note catene di ristoranti e fast food, nei franchising o nei locali super commerciali che standardizzano i menù

Dicono di noi

Scopri New York

Seguimi su Facebook e Instagram

    In collaborazione con

S'Istella viaggi

Un Sardo a New York

Tutto iniziò il 17 agosto di 28 anni fa. 
Era il 1992, ed io poco più che bambino stavo seduto in preda all'agitazione su un Boeing 747-400 della KLM in volo da Amsterdam verso la città dei sogni, quelli di allora e quelli di oggi, la città con la ferita più grande di queste ingiustificabili crociate moderne, la città che non si è arresa e combatte con pugni e sorrisi, la città che non dorme mai: New York City


LEGGI TUTTO

Follow Us

facebook  instagram youtube twitter 

 

Contattaci

E-mail

Telefono